compagnia scimone sframeli

 

la compagnia >   teatro >   tournèes >   cinema >   libri >   rassegna stampa >   contatti >

nunzio >   bar >   la festa >   il cortile >   la busta >   pali >   giù >   amore >

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 BAR

  di > spiro scimone

  con > francesco sframeli > spiro scimone

  regia > valerio binasco

  scena > titina maselli

  regista assistente > leonardo pischedda

  foto di scena > andrea coclite

  direttore tecnico > santo pinizzotto

  amministrazione > giovanni scimone

  produzione > compagnia scimone sframeli

 

 

premio ubu 1997 a spiro scimone " nuovo autore "

premio ubu 1997 a francesco sframeli " nuovo attore "

 

“Bar” spia i quattro giorni cruciali della vita di due uomini, il barista Nino e il disoccupato Petru, che hanno scelto un luogo pubblico per nascondersi al resto del mondo. Ciascuno, con motivazioni diverse, ignorando quasi tutto dell’altro, del mondo, e perfino di sé.
Ma in questo bar si vede e si vive soltanto il retro. Soltanto un muro, anzi, contro il quale i due uomini sembrano schiacciati insieme ai pochi oggetti presenti, il bidone della spazzatura e qualche cassa di bibite, una radio portatile. Fissati al loro destino di perdenti, in attesa della svolta che non arriva mai, che forse arriverà domani, di sicuro arriverà domani. Per l’uno è il sogno di preparare gli aperitivi in un locale dove si suona musica americana, un posto di classe e non questo bar di periferia. Per l’altro quello di un lavoro stabile, che rimedi a quel suo vivere d’espedienti. Ma il barista Nino deve intanto fare i conti con la convivenza di una madre oppressiva, che a ogni compleanno gli regala una sgargiante giacca da lavoro di un colore diverso. E il disoccupato Petru con un boss locale che lo taglieggia con pretese di doni, vuole anche l’orologio e gli ori di famiglia, e pretende tangenti sullo stipendio futuro.
In cima al muro si apre una finestra. Arrampicandosi su una scala è possibile osservare quel che accade di là, il mondo indecifrabile e ostile che sta all’esterno. Il mondo dei due è di qua, in questo retrobottega della vita. Di qua soltanto sembra conservarsi una possibilità di sopravvivere, nella soppressione dell’azione che invece ha uno sviluppo violento al di fuori. Più che la vicenda che arriva come un eco, conta del resto la situazione che si realizza sulla scena, il rapporto fra due umanità straniere l’una all’altra che si scoprono capaci di solidarietà.

 

^

 

 

 

 

 

 

 

 

developed by fabio rispoli © compagnia scimone sframeli 2009 - official website